Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Via della salute

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 89 -


RESURREZIONE DE' CORPI NEL GIUDIZIO FINALE

 

Ha da venire un giorno, che sarà l'ultimo de' giorni, con cui finirà tutta la scena di questo mondo. Prima della venuta del giudice verrà fuoco dal cielo, che brucerà la terra e tutte le cose di questa terra. "Terra, et quae in ipsa sunt opera, exurentur" (2. Petr. 3).1 Sicché in quel giorno ogni cosa di questa terra sarà ridotta in cenere.

Oh Dio che sembreranno allora tutte le vanità di questo mondo per cui tanti si perdono! qual comparsa allora faranno tutte le maggiori dignità della terra, le porpore, gli scettri e le corone. Oh pazzia di chi l'ha amate! Ed oh pianto di chi per queste vanità avrà perduto Dio!

 

"Canet tuba, et mortui resurgent" (I. Cor. 15. 52). Questa tromba chiamerà tutti gli uomini a risorgere e comparire al giudizio. Oh come compariranno belli e risplenderanno i corpi de' Beati! "Tunc iusti fulgebunt sicut sol" (Matth. 13. 43). All'incontro come compariranno orridi e deformi i corpi de' dannati! Qual pena avranno quelle anime infelici in esser riunite a quei corpi, per cui soddisfare han perduto il paradiso e Dio, dovendo allora esser gittate ad ardere insieme


- 90 -


coll'anime loro nel fuoco eterno! O felici coloro che han negati a'loro sensi quei gusti, ch'eran disgusti a Dio; e per tenerli maggiormente a freno, gli hanno mortificati coi digiuni e colle penitenze!

Ah Gesù mio, "non avertas faciem tuam a me",2 non mi voltate la faccia, com'io meriterei. Quante volte per soddisfare i miei sensi ho rinunziato alla vostra amicizia! O fossi morto prima, che darvi questo disonore. Abbiate pietà di me.

 

Risorti che saranno tutti gli uomini, saran dagli Angioli chiamati a comparire nella valle di Giosafat, per esser in pubblico giudicati alla presenza di tutti gli uomini: "Populi in valle concisionis" (Ioel. 3. 14).

Ah mio Dio, ancor io dunque dovrò venire a questa valle; ivi chi sa in qual luogo mi toccherà di stare, fra gli eletti in gloria o tra i dannati in catene! Amato mio Redentore, il sangue vostro è la speranza mia. Misero, quante volte ho meritato d'esser mandato all'inferno a star sempre lontano da voi, senza potervi più amare! No, Gesù mio, io vi voglio amare per sempre in questa vita e nell'altra. Non permettete ch'io3 col peccato mi separi più da voi. Voi sapete la mia debolezza, aiutatemi sempre, Gesù mio, non mi abbandonate.

Maria, avvocata mia, ottenetemi la santa perseveranza.

 




1 [20.] II Petr., 3, 10.

2 [4.] Ps., 142, 7.

3 [18.] ch'io) che io B1 B2.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos