Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Apparecchio e ringraziamento…messa

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 827 -


RINGRAZIAMENTO VI. PER IL VENERDÌ

 

Gesù mio, e come avete potuto tra tanti uomini eleggere me per vostro sacerdote? me che tante volle vi ho voltate le spalle, ed ho disprezzata la vostra grazia per niente? Amato mio


- 828 -


Signore, me ne dispiace con tutta l'anima mia. Ditemi, m'avete perdonato? spero che sì. Sì che voi siete stato il mio Redentore, non già per una volta sola, ma per tante volte, per quante mi avete perdonato. Ah mio Salvatore, non vi avessi mai offeso! Deh, fatemi sentire quel che diceste alla Maddalena: Remittuntur tibi peccata tua. Fatemi sentire che già mi avete rimesso in grazia vostra, con donarmi un gran dolore de' miei peccati.

 

In manus tuas commendo spiritum meum; redemisti me, Domine, Deus veritatis. Ah pastore mio divino, voi siete sceso dal cielo per trovare me pecorella perduta, ed ogni giorno scendete sull'altare per mio bene: voi avete data la vita per salvarmi; non mi abbandonate! Io nelle vostre mani consegno l'anima mia; ricevetela per pietà, e non permettete che s'abbia a dividere mai più da voi.

 

Voi avete sparso tutto il sangue per me: Te ergo, quaesumus, tuis famulis subveni, quos pretioso sanguine redemisti. Ora siete mio avvocato, non siete già mio giudice; ottenetemi il perdono del vostro Padre: ottenetemi luce e forza di amarvi con tutta l'anima mia. Datemi la grazia di vivere i giorni che mi restano di vita in modo che, quand'io vi vedrò da giudice, vi veda con me placato.

 

Deh! regnate col vostro amore in tutto il mio cuore, fate ch'io sia tutto vostro; e perciò, caro mio Salvatore, ricordatemi sempre l'amore che mi avete portato, e quanto avete fatto per salvarmi, e per essere amato da me. Voi a questo fine mi avete fatto sacerdote, acciò ch'io non pensi ad amare altro che voi.

 

Sì, Gesù mio, voglio compiacervi: io vi amo, ed altro che voi non voglio amare. Datemi umiltà, pazienza ne' travagli di questa vita, mansuetudine ne' disprezzi, mortificazione dai piaceri terreni e distacco dalle creature, e fate ch'io discacci dal mio cuore ogni affetto che non tende a voi. Tutto vi domando e spero per i meriti della vostra passione. Caro mio Gesù, amato mio Gesù, o buono mio Gesù, esauditemi. O bone Iesu, exaudi me. Esauditemi ancora voi, madre e speranza mia, Maria, e pregate Gesù per me.

 




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos