Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
S. Alfonso Maria de Liguori
Glorie di Maria

IntraText CT - Lettura del testo
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

- 705 -


42. *

In Ispagna vi era un uomo che tenea mala pratica con una parente. Or mentre una divota vergine stava orando, vide Gesù in trono


- 706 -


che stava per mandare quel reo all'inferno; ma la sua S. Madre dicendo che questi un tempo l'avea onorata, gl'impetrò trenta giorni per ravvedersi. Onde la donna per ordine della stessa divina Madre andò a dir tutto al suo confessore, il quale scoprendo il tutto al giovine, costui subito si confessò con molte lagrime e prometté l'emenda. Ma perché non tolse l'occasione che stava in casa, tornò al vomito. Venne di nuovo a confessarsi, di nuovo prometté, ma di nuovo ricadde. Il Padre non vedendolo più, andò a trovarlo in casa; ma egli lo licenziò con mal modo. Giunto l'ultimo de' trenta giorni, il Padre vi tornò, ma invano; onde pregò i servi che l'avvisassero in ogni accidente. Ecco la notte quel misero fu assalito da gran dolori; chiamato, accorse il Padre, cercò d'aiutarlo, ma l'infelice dicendo: Ah che muoio d'una lanciata nel cuore! dando un urlo da disperato, così spirò (P. Andrad., l. 2, Imit. del. V., c. 23).




* Esempio 42.- Adrianus LYRAEUS, Trisagion Marianum, lib. 2, modus octavus, pausa duodecima. Antverpiae, apud Meursium, 1646, pag. 223, 224.  «Locupletissimum... testem habeo P. Alphonsum de ANDRADA, lib. 2 de Imitatione Virginis, cap. 23, § 1, ubi sic scribit: «Annus agebatur a Christo nato 1622, cum in loco non ignobili regni Toletani quidam e primoribus, qui a teneris devotioni erga Deiparam assueverat, pristini fervoris immemor, tum in cetera iuventutis vitia, tum in foedas libidines sese profudit, et quamquam de fervore remitteret in cultu Virginis, frequentabat tamen eius sodalitates, ac festos dies sedulo colebat, ad haec sacellum quoddam honori Virginis dedicatum, quo accolae convenire solebant, restaurare instituit, eiusque imaginem ornatiore cultu donavit. Sed fregit animum iuvenis, diaboli fraus, eumque in consanguineae cuiusdam amores sic immersit, ut eam domo receptam publice matris, privatim concubinae loco haberet.» Quindi visione di una pia vergine; incredulità del confessore, persuaso poi con un segno datogli per ordine di Nostro Signore; avvisi molteplici al giovane, di lasciare il peccato e di fuggir l'occasione; ricadute, per le arti della sfacciata e scaltra complice; congedo dato al confessore, il quale però, l'ultima notte, pronto ad accorrere, vien chiamato dai servi: «repentino aliquo malo exspirare dominum, cum concubina lecto decumbentem. Neque segniter sacerdos accurrit. Spirabat etiamnum miser, atque in hanc vocem erumpebat: «Vae mihi, cor iaculo transfixus emorior!» Inutili sforzi del sacerdote per ottenere un qualche segno di contrizione, e morte infelice del misero; morte conosciuta in quella stessa ora dalla pia vergine, «ipso Iudice fatale telum in eum emittente». - L'opera del P. Andrada viene intitolata: Guia de la virtud y de la imitación de Nuestra Señora para todos estados. Uscì alla luce in Madrid, in tre volumi: il primo nel 1642; il secondo nel 1644; il terzo nel 1646, lo stesso anno che il Trisagion Marianum del Lireo. Nel 1671, il P. de Andrada publicò un'altra opera di simile argomento, ma più breve: Escuela de Maria Santissima. Morì ottuagenario nel 1672.




Precedente - Successivo

Copertina | Indice: Generale - Opera | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

IntraText® (V89) © 1996-2006 Èulogos