Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per attivare i link alle concordanze

2048. Li miracoli der pelo

 

L’avete vista la siggnora Tuta
come s’è ttutta arimpipirizzita?
come s’è ddata a l’amorosa vita?
E nun je s’ha da dí pporca futtuta!

 

Lei tante cianarie, faccia ggialluta,
e a mmé mme tocca de morí ingriggnita!
Ma io me chiamo sempre Margherita:
io nun ciò ggnisun Zanto che mm’ajjuta.

 

Senza er zu’ San Grigorio Tammaturgo
chi nun ha ggnisun’arte né mmistiere,
li pò ffà ttanti sfarzi, eh? mme la purgo.

 

Ebbè sto San Grigorio è un furistiere,
è un russio che sse chiama Pietro Bburgo,
e la va a cconzolà ttutte le sere.

 

9 dicembre 1844

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License