Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per attivare i link alle concordanze

2255. Le corze de carnovale

 

Pò èsse a Rroma che cce sii ppiú spesa,
perché er governo ha ppiú grossa la bborza;
ma in fonno poi nun ce vò ttanta forza
pe ffà ccurre du’ bbestie a la distesa.

 

E cquant’a cquesto, m’aricconta Aggnesa
che ppuro ar zu’ paese in Vallecorza,
li cavalli che ccurreno a la corza
curreno da la smossa a la ripresa.

 

Sibbè, ppuro la spesa, caro lei,
nemmanco è ttanta, ve’ , pperché li pajji
sò ttutti o gguasi tutti de l’ebbrei.

 

E ssu li premî credo che llei sbajji,
perché in certe materie nun zaprei
si er governo sii lui quello che squajji.

 

16 febbraio 1847

 

 

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License