Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Paolo Valera
La donna più tragica della vita mondana

IntraText CT - Lettura del testo

  • 1
Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

Sono giunto in Parigi in luglio in una mattinata tepida, con gli occhi gonfi della lettura notturna e con il cervello offuscato dal sangue dei delitti sui giornali sparsi per i tavolini del treno di lusso. L'impressione macabra è entrata con me nel fiacre-automobile che mi conduceva all'hôtel Continental, via Castiglione, 3. La stessa atmosfera della metropoli francese mi pareva quella di un immenso bagno penale. Io ero come in una capitale di delinquenti. I cittadini e le cittadine invece di darmi il godimento della loro eleganza, mi disseppellivano dal materiale dei ricordi i truci personaggi che hanno mandato il nome all'immortalità del museo criminale. Fra i pedoni vedevo i tipi di coloro che hanno fantasticato dietro la grandezza o sentito il bisogno di arricchirsi in una notte o sognato di ascendere alla sommità della gioia di vivere con un fattaccio, con una operazione finanziaria o con una strage umana.

Le ruote di gomma filavano tra i veicoli in direzione opposta senza darmi le scosse brutali delle vetture pubbliche del secolo scorso e tra la folla del va e vieni affrettato, additavo mentalmente a me stesso i Troppmann, gli Eyrau, i Prado, i Pranzini, le Gabrielle Bompard, le Humbert, i Bontou, i Cornelius Herz e gli altri scrocconi che hanno popolato, i salotti delle mondane.

Dal treno avevo annunciato telegraficamente al mio caro amico Bizet — l'eminente detective della polizia privata che si è conquistato la croce della legion, d'onore col clamoroso servizio di avere scovato il nascondiglio della haute pègre che ha svaligiato il palazzo sontuoso del marchese Panisse-Passis, nella avenue Marceau, a due passi dai Champs-Elysées. Io l'ho conosciuto ai tempi dello squartatore di prostitute di Whitechapel, quando, la prefettura di polizia l'aveva mandato a Londra ad aiutare i policemen a impadronirsi del feroce ammazzatore di donne.

Tutta la sua genialità di limier che sa seguire le pedate del sanguinario è stata sciupata dalla gelosia di mestiere. Gli agenti di John Bull lo vedevano di mal'occhio e le autorità di Scotland Yard invece di dargli carta bianca lo hanno circondato di tutte quelle miserie burocratiche che neutralizzano anche i superuomini della polizia segreta. Tutte le volte ch'egli cercava di tendere agguati a Jack the Ripper — la testa direttiva del servizio speciale gli scomponeva il piano mandandolo dalla zona studiata a quella da studiarsi. E così lo squartatore era ancora al largo.

Ci siamo ritrovati nel 1900, nei giorni della Esposizione Universale. Era un bell'uomo. Non aveva più nulla dell'agente segreto della prefettura di polizia del boulevard du Palais, in faccia al palazzo di giustizia. Aveva l'aria del perfetto gentiluomo in tuba, stìfelius e guanti in mano all'inglese. Mi parlò dei suoi dissensi con Goron, capo della sicurezza pubblica. Non andava più d'accordo, Goron, dopo, che aveva trovato il famoso baule nel quale Eyraud e la Bompard avevano sepolto l'usciere Gouffé, era divenuto superbo, intrattabile, indiscutibile. Respingeva i cooperatori per dare la preferenza ai servitori, ai risevoli mouchards che approvavano con entusiasmo tutte le corbellerie che uscivano dalla sua testa di romanziere giudiziario.

— Il suo ticchio! mi diceva ironicamente Adolfo Bizet, attorcigliandosi le punte dei baffi più belli della Francia. Egli appartiene ai poliziotti romantici che si sono fatti una teoria leggendo gli instancabili feuillettonistes che masturbano la vita che portano in pubblico con i colori spettacolosi della loro fantasia.

Goron è un ambizioso che aspira alla gloria d'oro dei Ponson du Terrail, dei Paul Féval e degli Emile Gaboriau. Vedrete che finirà anche lui ammucchiatore d'appendici. Io non lo gusto per i suoi Rocambole rifatti e sfigurati sulla figura bronzea di Vautrin. I Rocambole sono esseri di cartone che passano traverso la stanza mobigliata e i digiuni per aver modo di andare al bagno a compiere evasioni immaginarie e a correre per i tetti come io e voi possiamo correre per i marciapiedi. Puah! la vita è già troppo orribile per permettere ai mestieranti della polizia e della stampa di esagerarne le tinte e renderla più inverosimile di quello che sia veramente.

Adolfo Bizet parlava stringendosi la fronte biancastra. Quasi avesse voluto spremerla e farne uscire le idee che gli stavano preparando l'avvenire. Egli portava nella sua camera cerebrale un vasto sistema di organizzazione poliziesca. Nato negli avvenimenti criminosi, basato sulla esperienza della vita avariata, maturato di giorno in giorno nelle aule giudiziarie e nelle Corti d'Assise — i laboratori pubblici dei positivisti che entrano nella produzione delittuosa senza opinione. Per lui gli abitudinari della sicurezza pubblica come i Macé, come gli Andrieux, come i Lacé che mettono a base di ogni operazione il sotterfugio, il tranello, l'astuzia, la menzogna e la ribalderia sono finiti. Non hanno più posto fra noi. La chiave di volta del suo ambiente di rivoluzione poliziesca era la fotografia. Egli mi diceva che come c’è stato il giorno in cui si è dovuto contarci e dare principio alla storia del censimento, così ci sarà il giorno in cui bisognerà iniziare la fotografia nuda dell'adulto alla soglia dell'edificio sociale per essere fatto cittadino.

Mi sono permesso di ricordargli che il suo desiderio era già in azione e tutta la sua faccia ebbe contrazioni che mi rivelarono il suo disgusto per l'interruzione.

— Lo so, lo so, mi rispose con la punta del sarcasmo che gli deformava la bocca sormontata dai baffoni neri come il giavazzo. La fotografia poliziesca d'adesso appartiene ai teoristi che chiudono la stalla dopo che i buoi sono scappati. Si fotografa l'individuo quando è nel fatto compiuto della sua degenerazione o della sua follia. La mia fotografia è preventiva. Raccolgo le anomalie fisiche quando la delinquenza è ancora latente nella gioventù e le consegno al laboratorio umano, perchè le completi con le caratteristiche antisociali delle persone della stessa famiglia per la inchiesta naturale e sociale del nostro tempo.

Non avremo la sintesi della civiltà moderna che con l'obbligatorietà della fotografia per gli adulti e le adulte alla soglia dell'ambiente di tutti.

All'hôtel, mentre i facchini scaricavano le mie valige e il valletto mi conduceva all'ascensore, mi sono sentito preso per un braccio da un uomo dall'aspetto così volgare che non esitai a scambiare per un apache. Mi fermai ritraendomi e domandandogli con la voce che sentiva della mia collera che cosa volesse.

Il creduto vagabondo senza scomporsi si tolse il berretto con un leggero inchino e rimase in quell'atteggiamento per una lunga pausa come per darmi tempo di riconoscerlo.

— Il signor Edoardo Baragiola, suppongo?

— Per servirla, risposi con la scortesia nella voce.

Accortosi che io ero tra seccato e sorpreso della losca figura che mi aveva presa la manica con tanta confidenza, mi si avvicinò all'orecchio per non farsi udire dal footboy e con la mano nella mia mano mi domandò:

— Non mi conoscete?

Sherlok Holmes, il poliziotto della fabbrica di Conan Doyles, che ha il compito romanzesco di saper tutto e indovinare ogni cosa e spiegare qualunque mistero, avrebbe risposto di sì, cercandone il nome nella memoria per dar tempo all'interrogato di farsi conoscere.

Io rimasi perplesso senza pensare al travestimento.

Adolfo Bizet.

Truccato, non è vero? gli domandai con la stretta dell'amicizia.

— S'intende. Sono occupato in un affaire che per il momento non posso dirvi. Stasera verrete alla mia agenzia. Eccovene l'indirizzo, mi disse frettolosamente ed eccovi due righe per il mio amico, Hamard, chef de la police de súreté che vi permetterà di assistere alla prova o alla replica del dramma sanguinoso della via Pépinière. Vi prevengo che gli attori della ricostituzione del delitto sono assassini autentici. È un'occasione che non vi capiterà tutti i giorni. Addio, arrivederci.

Intanto che mi riavevo dallo stupore lo vedevo allontanarsi per il lungo porticato a tunnel, meravigliato che egli avesse saputo alterarne persino l'andatura. I suoi piedi andavano via incerti e poggiando più sulla punta che sul calcagno. Il suo berretto di jochey disoccupato da un pezzo aveva il risvolto di dietro bipartito in due ali di pipistrello. Con le spalle nascoste nel giacchettone a sacco, tenuto ai fianchi dal cintone della stessa stoffa, l'uomo erculeo dalle braccia poderose e dalle mani che facevano in quattro il tavolo quando esigeva la confessione del delinquente, pareva un rachitico che stesse a mala pena in piedi.

Non perdetti tempo. Entrai nell'appartamentino segnato col numero 36 del primo piano, mi gettai nel bagno, mi feci radere, indossai l'abito a redingote, presi una vettura e andai al caffè Riche, sul boulevard degli italiani, a bermi il moka e a fare una spanciata di giornali per caricarmi la testa della opinione pubblica. Tutti i tavoli erano occupati e il silenzio mi diceva che ero in una sala di lettura. La tragedia della via della Pépinière e dell'impasse Ronsin erano dell'inchiostro sensazionale dei grandi avvenimenti.

Caldi, coloriti, nutriti rappresentano il trionfo del reportage e il terrore dei quotidiani che se ne contendono i particolari come una muta di cani l'osso buttato in mezzo a loro. I gusti cono cambiati. Le notizie che una volta lasciavano indifferenti oggi attirano intorno a tutta la nazione. Il documento umano è il piatto ghiotto di tutti i cervelli ansiosi di penetrare nelle viscere dei problemi che agitano il secolo ventesimo.

Gli organi «della difesa nazionale», come la Patria e l'Èclair, rimasti nei nuovi tempi come ai tempi della revanche, sono moribondi.

Vivono di sussidi e di articoli che abbaiano alla luna.

La prosa di Rochefortcaduto dalle altezze del pamphlétaire contro l'impero nel pantano del boulangismo — è prosa senile che puzza di cadavere. È la prosa di un ruminante. Rimastica se stesso con un la diverso. Il la dei suoi ultimi giorni è quello di un degenerato o di un mattoide o di un epilettoide che vede al dorso di madama Steinheil la massoneria e il sindacato israelita, come vedeva l'una e l'altra al dorso di Dreyfus.

Trovo uno dei tanti documenti della mentalità francese nell'appendice dell'Humanité. Ci ricordiamo tutti del chiasso che si è fatto anni sono intorno alla «figlia Elisa» di Edmond De Goncourt. La povera prostituta è stata la conversazione nazionale di una settimana. La censura l'ha relegata fra i lavori osceni e il Parlamento per bocca di Yves Guyot, l'ex ministro di allora, l'ha mandata all'égout con tutta l'ipocrisia dei sacerdoti della marca fracida dicendo che dramma e romanzo sono l'apologia del mercato femminile, mentre dramma e romanzo ne sono la requisitoria.

Quels gredins que les honnêt gens!

Avrei rinunciato volontieri alla colazione se il giudice istruttore avesse sentito della mia febbre. Io ero impaziente, inquieto, come agitato dall'argento vivo. Avevo viaggiato coi delitti e mi trovavo per le vie dove non si strillavano che delitti. Chi voleva vendermi la Giovanna Weber, la vecchia bestiale che strangolava con godimento i bimbi, che le capitavano sottomano. Chi mi metteva sotto gli occhi, la madre Lefèvre, con gli abiti stracciati dalla folla che voleva linciarla per la tortura ch'essa aveva inflitto a una sua creaturina raccolta ischeletrita nel pattume della stamberga. Il cri cri assordante era un foglietto listato a nero che si vendeva a ruba. In esso era annunciata a caratteri elefanteschi la morte immediata di madama Steinheil, «la presidentessa dello Stato». In quella qualifica è indubbiamente una allusione, dicevo tra me e me, entrando nella via Pèpinière, allineata di sergents de ville che tenevano separata e composta la moltitudine curiosa di vedere chi entrava e chi usciva dalla casa in cui è stato assassinato l'agente di cambio della Borsa. Intorno a tutta quella gente si urlava un'altra tragedia sanguinosa: quella di Antony, dove era stata uccisa la direttrice di una casa di pensione e ferite due delle sue assistenti per derubarle di venti mila lire.

Senza volerlo mi sono trovato pigiato fra una moltitudine di Sherlock Holmes. Non c'era uomo o donna che non sapesse dedurre, formulare, concludere. Al posto dei poliziotti i colpevoli sarebbero già nelle mani della giustizia. Il servizio di pubblica sicurezza era in mano di persone inadatte, lente, dal cervello ottuso. Si era giunti al funerale senza che se ne sapesse qualche cosa. Lepine, il prefetto di polizia, non era buono che di mettere le mani sugli operai in conflitto coi padroni. Hamard lo si dichiarava fiacco, indolente, capace di trangugiare la storia più barbina che gli dicevano coloro che lo menavano per il naso. I più sospetti del personale della casa Remy erano i portinai, i Bourdet, classificati per birboni perchè dopo aver conquistato il benessere sognavano il lusso dell'edificio che custodivano.

— Le persone, diceva uno che parlava tenendosi il mento con la mano del braccio appoggiato all'altra mano, non si abituano al lusso senza desiderare il superfluo. Vedevano passare Remy e pensavano ai suoi milioni.

— Forse non avevano torto, rispose un nanerottolo dal naso che pareva una rana schiacciata e cucita alla pelle del viso. Pensavano di fare quello che aveva fatto il loro padrone, aggiunse tranquillamente l'interruttore.

Tutte le facce si voltarono come se avessero sospettato in lui un anarchico.

Ma l'uomo dai buchi del naso sporchi di mucillaggine non se ne diede per inteso, guardando fisso verso il portone spalancato che continuava a inghiottire signori e signore che giungevano per le esequie dell’assassinato. Ricominciata la conversazione all'aria aperta, si cercava la ragione dell'omicidio in un impeto passionale, in un amante di uno dei due coniugi. Il furto non bastava a giustificare l'assassinio. Ciò era un trucco per sviare le tracce dei segugi di polizia.

Il nanerottolo fece sentire in una risata la ridicolaggine della supposizione.

— La signora Remy è una vecchia che si regge a mala pena in piedi e il signor Remy aveva settantatre anni, signori!

— Non abbiamo bisogno delle vostre informazioni, disse un uomo accigliato, mostrandogli un giornale in mano sul quale si parlava dell'arcimilionario. Prima di chiaccherare fareste meglio a studiare la vita intima del finanziere. Egli era un uomo come un altro. Inverniciato di fuori e sudicio di dentro. Ha avuto anche lui la sua seconda e la sua terza giovinezza, disse l'informatore sottilineando la parola.

— Chi ve lo ha detto?

— Lo dirò a voi! Al vecchio piacevano le fanciulle del popolo, specialmente quelle che avevano le carni fresche e i capelli abbondanti. Ma se potessi... Bocca taci! disse egli tappandosela. La morte di Remy, aggiunse dopo una pausa, è stata probabilmente una punizione sociale. Nella mano che ha agito si erano probabilmente agglomerati gli odî dei padri e delle madri che si sono vedute le figlie gualcite dalla concupiscenza dei signori giunti alla ricchezza sfondolata.

Boom! fece il nanerottolo sgangherando la bocca. Le donne non erano della opinione del moralista che aveva riassunta la tragedia in una vendetta collettiva.

— L'oro è sempre stato oro, da che mondo è mondo, intervenne a dire una grandigliona dai capelli biondi come il grano maturo. Padrona chi vuole di accettarlo e di fare del proprio corpo quel diavolo che le pare e piace. Libertà per tutti. Ma chi preferisce la virtù all'oro è in una fortezza. Nessuno può darle l'assalto.

— La miseria!

— Già, con la miseria si giustificano e si coprono tutte le porcherie.

— Che cosa dice, quella pettegola! sclamò una vecchia megera, gobba, con il bastoncino che sorreggeva, in aria. Vorrei vederla sotto le sottane la virtuosa! La miseria, sissignora, la miseria è la canaglia che rovina le nostre figlie.

Hao! Non venire qui a contarci storie. Le figlie fanno bene a non patire. Siamo state tutte ragazze. La gobba mi è venuta, non c'era. E so anch'io che cosa vuol dire trovarsi a diciassette o diciotto anni malvestita e malnutrita, malpagata per un lavoro rude. Ai miei anni avrei dato la mia virtù per un'ala di pollastro... Non dico bugie, non dico.

Il carro di prima classe ci ha spostati calcandoci e dandoci a quasi tutti l'aria funebre del momento. Si capiva che si voleva fare le cose alla svelta. Il carro si fermava e dal portone usciva a spalla la cassa di ebano con i margini orlati di satin bianco. In un attimo scomparve. Passata sul piano del ruotabile la coprirono con una gualdrappa coi fiocchi d'oro, nera come la caligine e poi seppellirono il morto sotto una valanga di dalie, di viole di Parma, di bottoni di rose e di crisantemi, spargendo un profumo primaverile.

Al gradino della residenza stava una berlina tutta abbrunata nella quale entrarono, aiutati dal domestico, Emilio Courtois, la vedova Remy con il volto nascosto in un velo che non impediva di vedere la di lei carne cerea, Giorgio Remy, il figlio della vittima e i nipoti. I preti erano alla testa del convoglio e il personale di servizio preceduto dal maggiordomo Renard, era alla coda.

In mezzo a costoro e ai loro fianchi c'erano gli agenti della polizia segreta, incaricati probabilmente di ascoltare i si dice intorno alla tragedia.

Le ruote, con i loro su è giù dai sassi o dal suolo disuguale, rompevano il cuore.

Pietro Renard con il faccione di maggiordomo nato, con la tuba in mano fasciata dal largo panno funebre, con i bottoni di lutto allo sparato della camicia bianca come la carne della sua faccia carnosa, con il collo ampiamente risvoltato sulla cravatta di batista filettata di nero pareva il rappresentante della mortificazione e della afflizione domestica. Con la scriminatura che divideva i capelli rialzati su una fronte che pareva quella di un grand'uomo, con i solchi in margine alle pinne nasali che appesantivano il suo dolore, i pensieri che avrebbero voluto pensar male di lui andavano via a nascondersi dalla vergogna. Hamard stesso ha finito per crederlo vittima della cattiveria, dei quindici o sedici tra domestici e cameriere sotto di lui che l'accusavano con silenzi malvagi.

Quello che pareva indistruttibile intorno alla sua bocca sbarbata erano le stigmate del degenerato. E anche qua e , intorno agli occhi, intorno alle tempie, nelle crepe della fronte e nei padiglioni auricolari erano i segni dell'individuo abituato ai vizi contro natura.

C'era qualcuno vicino a me che diceva che di solito il degenerato odia la donna. Pietro Renard era ammogliato e aveva figli. Ma io ho risposto mentalmente che anche Oscar Wilde amava gli uomini, pur essendo ammogliato con figli. L'infame Eulembourg, apparteneva alla stessa classe.

Si può essere porci senza essere assassini. La stessa madama Remy avrebbe messo la mano nel fuoco per il suo maggiordomo. Un'altra circostanza che lo salvava dalla villania del sospetto erano le sue esclamazioni al momento della scoperta del misfatto.

— Hanno ammazzato il signore e svaligiata la stanza della signora! — disse egli ritraendosi inorridito con il servizio del caffè in mano.

Si può essere stati alla scuola del teatro libero, ma si riesce difficilmente, davanti al cadavere, a mettere nella voce accenti di dolore sentito.

La seconda persona del seguito che attirava l'attenzione della gente fermata lungo l'itinerario della processione avviata alla chiesa di Sant'Agostino era quella di Giorgio Courtois, anche lui col crèpe al braccio e al cappello alto del domestico.

È un giovanottone di primo pelo dall'aria alla moda inglese, con una testa rotonda e la superficie cranica bassa. Sul suo viso a lama di coltello è sparsa una tetraggine che lo assomiglia al maggiordomo. Rialzi mandipolari, occhi che tendono ad evitare quelli degli altri. Ha diciassette anni e deve essere dotato di pazienza se ha potuto sopportare Renard, un maggiordomo pedante che fuori per dei nonnulla. Nelle agenzie è diventato proverbiale di dire che dove è Renard non si fanno le ossa.

C'è gente ed è forse la maggioranza, che suppone in quella smortona della portinaia e in quel suo marito dai baffi castani chiari che gli dimezzano la faccia, due complici.

Nessuno sa capacitarsi come abbiano potuto sonnecchiare mentre devono essere passati i delinquenti o il delinquente. Se il portone non si schiude che tirando il cordone di dentro chi di loro è colpevole o consapevole di quello che è avvenuto nei piani di sopra?

A mezzogiorno preciso ho fatto la mia entrata dal Durand, piazza della Maddalena, dove facevano colazione e pranzavano gli uomini della politica, della stampa e della finanza. Non vi ho riconosciuto che Chaumiè, nepotismo. È un giornale che ha fatto tremare più di l'ex guardasigilli che è stato perseguitato dal Matin di un regnante. Ha iniziato la pubblicazione con un capitale di cinquanta milioni e contiene ogni mattina tanto materiale d'informazioni da superare in altezza la torre Eiffel di 163 metri.

Il suo palazzo, lungo il boulevard Poissonnière, è una curiosità cittadina. Tuttavia il giornale che è entrato nel giornalismo parigino come uno spavento darwiniano è giunto al venticinquesimo anno di vita circondato dal sottovoce di avere compiuto operazioni di chantage. A ogni modo egli è sulla via di trangugiare il rospo vivo del diffamatore. Chaumiè che si è visto servito al pubblico con tanta tenacia come un corruttore ministeriale ha rifiutato qualsiasi somma per recedere dalla querela.

Seduto, mi sono abbandonato alla sapienza del cameriere con la giacchettina nera che gli lambiva i fianchi e il grande grembiale candido che lo nascondeva giù fino agli stivali come in una gonna.

Una volta in viaggio alla ricerca dei delinquenti divento un osservatore instancabile come Sherlock Holmes e il suo inseparabile amico Watson — la sola caratteristica che mi unisce ai due falsi detectives inglesi. Il mio garçon mi parve il principe dei camerieri. C’era in lui tatto, gusto, eleganza. Con un sorriso che non diventava confidenziale intuiva se mi piaceva o spiaceva la vivanda che mi offriva. Il suo linguaggio era invariabilmente accompagnato dal oui, monsieur, s'il vous plait, monsieur, comme vous voulé, monsieur.

Al caffè mi ha portato il Temps, il giornale dei conservatori che ha rovesciato Carlo X, difendendo i dritti della stampa e chi è stato circonfuso di gloria al Parlamento repubblicano per l'esattezza dei suoi resoconti parlamentari. Intanto ch'egli mi esibiva il cognac Martel, gli ho domandato chi fosse il signore dai capelli bianchi, al settimo tavolo della terza fila a sinistra che si scaldava col vocione per convincere i suoi commensali che avevano torto.

Camillo Pelletan, monsieur.

— L'ex ministro del grande ministero Gambetta?

Oui, monsieur.

La conversazione che aveva avuto principio in un angolo della sala si era a poco a poco incendiata e generalizzata. Se avessi chiusi gli occhi avrei potuto credermi in una cameretta di ergastolani che si compiacevano di riandare fra i delitti passati o in mezzo a un girone di legislatori che si azzuffavano per il diritto di uccidere in nome della nazione. Si gridava e si strepitava, si faceva sorgere tra la nuvolaglia la lama triangolare come supremo strumento di giustizia sociale. Era la Waterloo dei Victor Hugo e dei Clemenceau. Tutta la loro filosofia, tutto il loro umanitarismo, tutte le loro teorie andavano sotto i piedi come immondizia.

Un signore bassotto, con la cravatta bianca e la faccia dell'avvocato inglese, sciorinava il suo entusiasmo per la legislazione al di della Manica. Non ci sono sofismi in casa dei cromwelliani moderni. Chi uccide, perisce.

— Siete rimasto alla legge orribile, tragica, esecrabile, dell'occhio per occhiorispose flemmaticamente il fumatore di trabucos che aveva gli occhi sul giornale e leggeva distrattamente.

Sissignore! rispose lo sbarbato con un pugno sul tavolo. — Sangue per sangue. La stupida abitudine di conservare i Soleilland e gli Eyraud e le Fenayrou perchè si emendino costa troppo, è ingenua ed è perfettamente inutile. Chi vorrebbe in casa una pentita come la Fenayrou?

— Non so chi sia — rispose seccamente l'abolizionista della pena di morte.

— Un mostro! Un giorno suo marito farmacista le schiaccia sotto gli occhi la corona nuziale, le ingiunge di cavarsi l'anello di sposa, stacca e frantuma il ritratto della di lei madre e poi le dice: In ginocchio, adultera! Dovrei ucciderti, ma ho bisogno di te per la mia vendetta. Il solo mezzo che hai di salvarti è di aiutarmi a uccidere il tuo amante.

— La mia vita, piuttosto!

— La tua vita è quella dei tuoi figli! Se tu rifiuti uccido te, ucciderò i tuoi figli, ucciderò il tuo amante e ucciderò me stesso. Scegli.

La Fenayrou ha accettato di compiere la vendetta. Ha preso in affitto il luogo della strage, ha invitato il proprio amante, Aubert, come se fosse stata riaccesa dalla passione, ha dato al marito le filacce preparate con le sue mani per imbavagliarlo, ha portato nella casaccia, a Chatou, il martello e la canna nella quale era lo stocco e il piombo per farne dei lacci metallici e poi, dopo avere pranzato col marito, è andata all'appartamento e ha condotto Aubert al macello.

— Oh! oh! — fece la vittima entrando nel luogo misterioso. — Tu mi fai diventare un eroe d'avventura!

Entradissella, spingendolo nel vestibolo.

Egli appese il cappello, accese uno zolfanello per cercare l'uscio che mette nel salotto e non appena ebbe fatto un passo, Martin Fenayrou, sbucò dall'uscio con il martello alzato. Un grido terribile e una martellata sulla testa ridussero il povero Aubert in terra stordito. Siccome il marito voleva dirgli il perchè lo ammazzava a martellate, l'amante ebbe tempo di riaversi. Con un balzo fu in piedi, grondante di sangue, e tra l'uno e l'altro s'impegnò una lotta spaventosa, rincorrendosi, agguantandosi, piegandosi, morsicandosi, ingiuriandosi, senza che Fenayrou riuscisse ad assestargli altri colpi. La moglie era di fuori, dietro l'uscio ad aspettare i rantoli dell'amante.

Udì invece la voce del marito che domandava della luce. Vi entrò come una pantera. Accese il gas, si precipitò sull'amante che stava per sopraffare il marito e trattenendolo con tutte le sue forze diede modo al marito di farlo ricadere al suolo a martellate. La iena lo teneva sempre. Il marito gli andò sullo stomaco colle ginocchia, con la gioia della vendetta feroce negli occhi.

Miserabile! — gli disse — volevo ucciderti il giorno della prima comunione dei miei fanciulli. Ma non c'era nulla di pronto. La tua ultima ora è suonata. Tu mi hai torturato il cuore ed è per il cuore che tu devi morire.

L'orrore destato dalla narrazione aveva sbiancata più di una faccia e alcuni ascoltatori erano così terrorizzati che lo supplicarono con la mano di tacere. Ma il narratore fu inesorabile.

— Il marito gli sprofondò lo stocco nel cuore, dilatandogli la ferita lentamente e con gridi di gioia spasmodica glielo toglieva e ve lo ricacciava dicendo a ogni momento: Muori, miserabile! Muori, miserabile!

Restituire alla società l'adultera che ha partecipato al massacro del proprio amante e ha aiutato a calarlo dal parapetto del ponte di Chautou, tenendone la corda perchè non cadesse nella Senna con un tonfo e non facesse nascere qualche sospetto in un passante o in un abitante delle cascine dei dintorni è stato un delitto sociale. Come è stato un delitto sociale non ghigliottinare il suo degno marito che lo ha trucidato con i furori della belva.

Pazienza, la donna! interruppe il signore di un tavolino vicino.

— Un accidente! Eran due mostri. Ma la moglie è stata più perversa e più bestiale, e più vigliacca del marito. Il signor Macè, capo della sicurezza pubblica di quel tempo, è ancora vivo per dirvi che dei due la donna è stata la più abbominevole e la più vile. Con la stessa facilità con cui ha conceduta la strage dell'amante ha poi consegnato il marito alla giustizia. Ebbene chi vorrebbe conservare l'esistenza di quell'uomo e di quella donna che hanno fatto e faranno rabbrividire il genere umano fino a quando l'assassinio sarà chiamato assassinio?

Viva Castillard! — disse qualcuno vedendo entrare il deputato che ha convertita con l'eloquenza tanta gente che aveva orrore della ghigliottina.

Viva Castillard! — risposero quasi tutti, alzandosi in piedi con il battimano a salutare l'autore della proposta parlamentare di mantenere l'alta istituzione che ha per sacerdote il carnefice.

L'onorevole Ghigliottina, come è stato chiamato dagli abolizionisti al Palazzo Borbone, passò dall'altra parte ringraziando i signori con il cilindro sospeso sulla testa fin al di della sala. Rifattosi il silenzio l'uomo dal trabucos che aveva ascoltato il narratore senza trasalimenti, pareva ancor più convinto del diritto dl vivere che del diritto di uccidere, ch'egli considerava una follia collettiva. Ragionava senza scomporsi e diceva che il delitto per quanto efferrato non poteva mutargli le convinzioni. Più grande e più scellerato era il malfattore e più grande doveva essere la pietà sociale. Per lui il carnefice, nella civiltà moderna, era un nonsenso.

— Oh! oh!

Il tumulto degli oh! oh! saturo di sarcasmo dei signori che volevano il mantenimento del patibolo, magari, rinvigorito con gli ordigni delle vecchie torture, gli fecero pronunciare come a stesso parole amare.

— La folla è crudele! tutte le folle sono crudeli!

Poi riprese il trabucos, si liberò di una boccata di fumo e senza togliere gli occhi dal giornale che leggeva si mise a parlare con il dito puntato verso il signore che aveva ricordato il caso atroce.

— Voi mi avete fatto sovvenire dell'affare Fenayrou. Me ne ricordo benissimo. Non vi abbandono la testa dell'uomo la testa della donna. Io sono per la inviolabilità della vita umana. Il carnefice, la bascule, la lama sospesa sul condannato, la separazione sanguinosa e violenta del corpo dal collo sono spettacoli barbari, superiori ai miei nervi.

Non siamo ancora nel periodo in cui si possa montare e smontare l'uomo per giudicare delle sue azioni, ma sappiamo che dietro gli esecutori dei delitti c'è sempre qualcuno più colpevole di loro.

Dietro Vaillant che sogna la distruzione della borghesia gettando una bomba nella Camera legislativa ci sono due personaggi: il padre che lo ha messo alla porta dicendogli di andare altrove a farsi appendere e la società che lo ha lasciato nelle angoscie della miseria. L'uno e l'altra sono quelli che avrebbero dovuto comparire alla Corte d'Assise.

— Oh! oh!

Così della Fenayrou. La madre è più colpevole della figlia. Invece di piangere davanti i giurati per intenerirli essa doveva impedirle di fare un matrimonio «di ragione» a diciassette anni, come ha dichiarato la figlia stessa al presidente. E chi mi sa dire perchè il marito di questa donna da farmacista onesto e laborioso è diventato giocatore e beone?

È la follia ereditaria o è l'atrofia morale o è la gelosia che si è scatenata in lui in un momento in cui i centri inibitori non avevano più influenza alcuna, che l'hanno spinto all'azione delittuosa?

— A noi importa proprio niente di rimanere perplessi tra le vostre interrogazioni, disse un signore che aveva già la tuba in mano per andarsene. Sono problemi che dovreste proporre a un consesso di scienziati. L'importante per noi è di sapere se vale la pena e se sia utile sottrarre al boia figure orribili come i coniugi Fenayrou.

— Senza dubbio — E che colpa ho io se sono un mattoide pericoloso o un tipo criminale a periodi o predisposto a versare il sangue dei miei simili?

— Nessuna! — risposero in parecchi.

— E allora?

— Allora vi tagliamo la testa. La presenza di un sanguinario nella casa sociale ci fastidio. ci rende infelici, ci mette in collera con noi stessi. Noi siamo inglesi. Non abbiamo tempo di emendare gli assassini. Chi uccide, muoia. Tanto nessuno è indispensabile su questa terra; meno che meno se sono dei criminali come l'avvelenatrice Weiss o come i quattro apaches conosciuti nei delitti celebri come gli assassini di Courbevoie, dove hanno consumate delle stragi.

— La testa! la testa! vociarono parecchi signori.

Tagliatemela! e vi metterete al mio livello di delinquente. Rei e reo! diss'egli con la mano verso di loro e di . Ah! signori, due misfatti non fanno una giustizia, come due bianchi non fanno un nero. No, no e poi no! Voi avete torto. L'avvenire è nostro, concluse alzando gli occhi come un ispirato. Victor Hugo, Tolstoi, i pioneri della civiltà sono con noi! Voi siete la barbarie!

La gente che faceva colazione si è alzata gridandoViva Deibler!

Abbasso Deibler!

 




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by EuloTech SRL - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License